Benvenuto
Benvenuto su "Michael Jackson the King of Love...". Per i nuovi utenti registrati, il Forum vi invita a presentarvi nella sezione
"PRESENTAZIONI"
in modo da ricevere un caloroso benvenuto da parte di tutti gli utenti!!!
Il Forum ricorda a tutti gli utenti di leggere sia il regolamento generale, che i regolamenti interni di ogni sezione. Sono poche e semplici regole facili da seguire per facilitare la navigazione di tutti e il nostro lavoro. Buon divertimento a tutti.

Grazie
Facebook





"Michael Jackson the King of Love..." ha anche un gruppo su Facebook iscriviti!!!

In Evidenza
Visite
Votaci
Ti piace il nostro Forum??? Allora votaci cliccando su questo bottone ... Grazie!!!
Migliori Siti Dettagli mjjkingoflove.forumattivo.com/
Grazie a voi abbiamo vinto questi AWARD nella classifica.... Sito d'argento sito web Continuate a votarci ogni mese e aiutateci a crescere!!!
I postatori più attivi del mese

Migliori postatori
PιεcεOғAηHεαят♥; (12290)
 
Sere_MJ (10376)
 
Fairy MJ (8626)
 
MIKE&JANETpassion! (8454)
 
** DirtyDianaEle ** (8444)
 
DirtyMetalJackson (5881)
 
MissMJNaughty (3524)
 
Zaira♥ (2966)
 
Ashley (2550)
 
~D i f f e r e n t; (1477)
 


Michael Jackson, Dangerous e la reinvenzione del pop - di Joe Vogel

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Michael Jackson, Dangerous e la reinvenzione del pop - di Joe Vogel

Messaggio Da silvia80 il Mar 4 Ott 2011 - 20:24

Come sostiene la narrativa tradizionale l'album Dangerous di Michael Jackson ha rappresentato la fine di un'era: la morte del pop e il sorgere, nella sua scia, di grunge, alt-rock e hip hop. La maggior parte dei critici evidenziano il momento in cui "Nevermind" dei Nirvana ha scalzato "Dangerous" dal n°1 nelle classifiche di Billboard come il punto di svolta simbolica. In pochi mesi, le camicie di flanella avevano sostituito ogni traccia dell'eccesso e della stravaganza degli anni '80.

Le trasformazioni culturali, naturalmente, non sono mai così semplici. Diversi mesi dopo che "Nevermind" aveva raggiunto il 1° posto, i Nirvana hanno condiviso il palco degli MTV Video Music Awards con rockers da stadio come i Def Leppard, i Van Halen, i Metallica, e quella che restava la più grande band in America, i Guns N' Roses. Infatti, se si dovesse fissare una svolta culturale, i VMA del 1992 non sarebbero una cattiva scelta. Guardare la performance sovversiva dei Nirvana (che era iniziata con poche battute del censurato "Rape Me" prima di cedere al lunatico "Lithium") subito dopo il cartoonesco "Let 's Get Rocked" dei Def Leppard, non solo faceva sembrare il rock anni '80 ridicolo, ma l'ha reso presto quasi obsoleto. Anche i potenti Guns N 'Roses, che hanno chiuso lo show con una performance spettacolare di "November Rain", sono stati pubblicamente derisi dai Nirvana come "rock corporativo" e "ribellione confezionata". Se mai c'è stato un cambio della guardia pubblico è stato quella notte.

Nel frattempo Michael Jackson, l'icona che definiva il pop degli anni '80, aveva creato un album, "Dangerous", che aveva molto poco a che fare con il pop, come "Nevermind". Le differenze stilistiche sono abbastanza evidenti. "Nevermind" era radicato nel punk rock e nel grunge, mentre "Dangerous" era principalmente fondato sul R & B / New Jack Swing. Tuttavia entrambi esprimevano un senso di alienazione sorprendentemente simile, con molte canzoni che funzionavano come una sorta di poesia confessionale. Confrontate il testo di Cobain da "Lithium" - "Sono così felice / Perché oggi ho trovato i miei amici / Sono nella mia testa" con "Who Is It" di Jackson - "Sembra che non importi / E non mi sembra giusto / Perché la volontà non ha portato fortuna / Visto che piango da solo di notte". Entrambi gli album contenevano anche la loro quota di agganci pop e ritornelli orecchiabili, introducendo sonorità più underground al grande pubblico, ed entrambi gli album erano cantati da anime ferite e sensibili che erano anche brillanti promotori / creatori di miti.

Dal punto di vista sonoro "Dangerous" ha ben poco in comune con il lavoro di colleghi pop star come Madonna, Whitney Houston e Mariah Carey. Il suo tono era molto più inquietante, grintoso, urbano e industriale. In cortometraggi come "Black or White", Jackson esplorava anche territori più bui, scioccando il pubblico della classe media con la sua espressione cruda di dolore e di indignazione contro il razzismo. Ironia della sorte, è stato alla "pop star dell'establishment", non alla band grunge outsider, che il video musicale è stato censurato dopo proteste pubbliche sulla sua controversa coda. "Smells Like Teen Spirit", nel frattempo, era trasmesso così tanto che uno dei dirigenti di MTV era esaltato perché avevano "una nuova generazione a cui vendere."

Il punto è che, contrariamente all'opinione diffusa, entro la fine del 199 i Nirvana erano "pop" come Michael Jackson e Michael Jackson "alternativo" come i Nirvana. Gli album di entrambi gli artisti erano stati pubblicati da etichette principali e avevano avuto simili successi commerciali e di classifica, anche se erano stati misurati su aspettative molto diverse. Ciascuno ha prodotto singoli di successo. Ciascuno ha suscitato memorabili video e performance trasmesse fianco a fianco su MTV. E ad oggi ognuno dei due ha venduto oltre 30 milioni di copie in tutto il mondo.

"Nevermind", naturalmente, ha avuto di gran lunga maggiore successo di critica, sia per la sua portata culturale che per la sostanza artistica. Tuttavia 20 anni dopo "Dangerous" sta guadagnando ammiratori, dato che più persone si muovono al di là del non pertinente nonsense che era così importante nelle revisioni contemporanee e prestano attenzione al suo contenuto: i suoi temi che anticipano il futuro, il suo vasto inventario di suoni, la sua ricerca panoramica di stili musicali.

La morale della favola è questa: se in effetti è considerato un album pop, "Dangerous" ha ridefinito i parametri del pop. Come spiegare altrimenti un album che miscela R & B, funk, gospel, hip-hop, rock, industriale e classica, un album che presenta una canzone ("Will You Be There") con la Nona Sinfonia di Beethoven e un'altra ("Dangerous") con quello che sembra il cuore di una fabbrica di acciaio cittadina, un album che può alternativamente essere paranoico, criptico, sensuale, vulnerabile, idealista, cupo, trascendente, e spaventoso? Anche la copertina dell'album, un dipinto ad acrilico del surrealista pop Mark Ryden con una maschera tipo circo attraverso la quale Jackson fissa il suo pubblico, significa una nuova profondità e consapevolezza.

Jackson prepara il tono fin dalla traccia di apertura. Al posto degli incontaminati e cinematografici groove di "Bad" c'è qualcosa più in sintonia con il mondo reale, qualcosa di più teso e urgente. I vetri rotti all'inizio di "Jam" rappresentano degnamente la svolta. "Dangerous" è stato il primo album di Jackson senza il leggendario produttore Quincy Jones. Molti pensavano che fosse pazzo a separarsi da Jones, dato il successo senza precedenti che la coppia aveva avuto insieme. Ma a Jackson piacevano le sfide e si sentiva rinvigorito all'idea di fare da produttore esecutivo e lavorare con una nuova tela. Ha iniziato a sperimentare con un gruppo di produttori e ingegneri di talento con cui aveva sviluppato dei rapporti negli anni precedenti, tra cui Bill Bottrell, Matt Forger e Bryan Loren; più avanti nel processo, ha anche riportato il suo ingegnere del suono di vecchia data, Bruce Swedien. Quello che è risultato dalle sessioni di registrazione - che si sono estese fra il 1989 e il 1991 - è stato il suo album più socialmente consapevole e rivelatore a livello personale fino ad oggi.

Probabilmente l'aggiunta più significativa al nuovo team creativo, tuttavia, non è stata fatto fino all'ultimo anno. Jackson era insoddisfatto di molte delle tracce ritmiche. Voleva che colpissero di più, che si sentisse la tensione. Con questo in mente si mise in contatto con il 23enne innovatore del New Jack Swing, Teddy Riley. Dalla pubblicazione di "Bad" nel 1987, l'R & B e l'hip-hop erano evoluti in una varietà di direzioni, dal rap provocatorio dei Public Enemy, alla schiettezza sessuale di LL Cool J, all'aggressivo New Jack Swing di Bobby Brown e Guy. Jackson voleva prendere elementi da tutte le più recenti innovazioni e suoni e piegarli, contorcerli e fonderli con la propria visione creativa. Mentre "Dangerous" è spesso descritto come New Jack Swing - senza dubbio a causa della presenza di Riley - l'appropriazione da parte di Jackson dello stile è chiara. Le battute sono spesso più dinamiche e nitide, i ritmi più sincopati, il suono più viscerale ed industriale. Suoni di fondo sono usati come percussioni ovunque: clacson, catene scorrevoli, porte basculanti, vetri in frantumi, metallo che si rompe. Jackson inoltre implementa frequentemente il beatboxing, lo scat, e lo schiocco di dita.

Prendete una canzone come "In the Closet" e confrontatela con le altre New Jack Swing di fine anni '80 e primi anni '90. Le differenze sono sorprendenti. Ascoltate il modo in cui l'intro elegante al piano lascia il posto al beat erotico, rotenate. Ascoltate come la canzone crea tensione e sollievo, crea tensione e sollievo, prima che il culmine esploda al minuto 4:30. Ascolta le agili prestazioni vocali, dalla silenziosa narrazione confessionale, alle strette armonie in falsetto, fino agli appassionati sospiri, rantoli ed esclamazioni. E' una delle canzoni di Jackson più cariche sessualmente, eppure trasmette anche una certa sottigliezza e intrigo; anche il titolo gioca timidamente con le aspettative sulla sessualità. Diversamente dalla maggior parte degli autori di R & B e pop, le "canzoni d'amore" di Jackson contengono quasi sempre una certa ambiguità, tensione drammatica e mistero. Ad esempio anche "Dangerous", che contiene il testo: "Profondamente nel buio della follia della passione / Mi sentivo preso dal desiderio di strana disumanità".

E' la seconda metà dell'album "Dangerous", tuttavia, che mette in mostra davvero la gamma artistica di Jackson. Dopo il grande successo del dichiarativo "Black or White", Jackson svela una delle canzoni più belle nel suo intero catalogo, il capolavoro che rimane in testa "Who Is It". Per coloro che ancora credono al mito che il lavoro di Jackson abbia avuto un declino dopo gli anni '80, questa traccia da sola dovrebbe sfatare il concetto. Non solo è sapientemente realizzata (rivaleggiando con "Billie Jean"), è il Jackson più emotivamente vero: "Io non ce la faccio, perché sono solo". "Give in to Me" prosegue il tono buio, con Jackson che scatena l'angoscia repressa sulle aspre note della chitarra di Slash. E' una canzone che sarebbe stata benissimo accanto alle contrastanti dinamiche quiete / forti delle canzoni di Nevermind o le grezze trame metalliche di "Achtung Baby" degli U2 .

Che cosa viene dopo? Un preludio tratto dalla Nona Sinfonia di Beethoven, naturalmente, seguito da due brani, "Will You Be There" e "Keep The Faith", radicati nel gospel nero. Jackson chiude l'album con una tenera espressione sulla caducità della vita ("Gone Too Soon"), ispirata dalla vittima dell'AIDS, Ryan White, prima di tornare al punto di partenza con il New Jack Swing industriale della title track.

Da alcuni questo tipo di approccio eclettico e massimalista a un album è stato visto con disprezzo. "Dangerous" è stato criticato per essere troppo lungo, esagerato e non focalizzato. Cosa diavolo, si chiedevano gli scettici, ci sta a fare una canzone come "Heal the World" in un album con "Jam" e "Dangerous"? Certo, quadra se si fa il confronto con il suono e il tema ininterrotto di un album come Nevermind. Jackson, naturalmente, avrebbe potuto facilmente seguire questo percorso con l'aggiunta di alcune canzoni alle sette tracce ritmiche che aveva creato con Teddy Riley. Ma in ultima analisi, è stata una scelta estetica. Jackson apprezzava la diversità e il contrasto, sia dal punto di vista sonoro che tematico. Amava l'idea di sorprendere il pubblico con una sequenza insolita di canzoni o un cambiamento imprevisto di umore. Se l'R & B tradizionale non poteva esprimere una certa emozione, lui aveva trovato uno stile che poteva (così il pathos epico e con radici bibliche di "Will You Be There" si trasforma in classica e gospel). Gli album, secondo lui, erano viaggi e, come avrebbe poi spiegato in riferimento alla sua serie di concerti This Is It, voleva portare le persone in posti in cui non erano mai stati prima.

Eppure, a prescindere delle preferenze stilistiche, si deve almeno riconoscere l'audacia e il talento di un artista che è riuscito ad attingere da fonti così disparate e creare una tale varietà di generi. Axl Rose potrebbe fare il New Jack Swing? Kurt Cobain potrebbe fare l'hip hop? Chuck D potrebbe fare il gospel? Eppure Michael Jackson ha lavorato a suo agio con Slash così come ha fatto con l'Andrae Crouch Singers Choir o Heavy D.

Qual è, allora, l'eredità di "Dangerous" vent'anni dopo? E' stato un punto di svolta artistica per Jackson, che ha spostato la sua attenzione a materiale più socialmente consapevole, concetti ambiziosi e una tavolozza più ampia di suoni e stili. E' anche l'espressione culminante del suono New Jack Swing, che contribuisce al R & B della fine degli anni '80/primi anni '90 allo stesso modo in cui album come "Nevermind" e "Ten" hanno fatto per il rock. La sua fusione di R & B e rap hanno impostato il modello per gli anni a venire, mentre i suoi paesaggi sonori industriali e i beat metallici sono stati successivamente resi popolari da artisti diversi tra loro come Nine Inch Nails e Lady Gaga. Per quanto riguarda la scena musicale generale nel 1991, che è stato davvero un anno straordinario per la musica, può non essere stato culturalmente dominante come "Nevermind", ma sta al suo fianco (e a una manciata di altri dischi) come una delle realizzazioni artistiche più impressionanti dell'inizio del decennio.

Alla fine i Nirvana e compagnia potrebbero avere ucciso il rock degli anni '80. Ma se il pop era morto, il suo "re" aveva creato con successo delle alternative.


www.popmatters.com/pm/feature/148850-mic...d-the-reinvention...
Traduzione su mjj.it


Ultima modifica di silvia80 il Mer 4 Gen 2012 - 1:57, modificato 1 volta

silvia80
King of Pop
King of Pop

Messaggi : 1080
Data d'iscrizione : 17.09.10

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Michael Jackson, Dangerous e la reinvenzione del pop - di Joe Vogel

Messaggio Da ** DirtyDianaEle ** il Dom 9 Ott 2011 - 21:00

parlando del topic (che mi era sfuggito goccina ) mi piace come definisce l'album in effetti racchiude un po tutti gli stili musicali, un po come Mike d'altronde che utilizza nelle sue canzoni praticamente tutti gli stili anche quelli più impensabili che però gli si addicono perfettamente. e poi mi piace molto la descrizione che fa di In the Closet, che non avevo mai considerato con questi particolari, però ha fatto una descrizione perfetta, è proprio quella la sensazione che si prova ascoltandola.


Ultima modifica di ** DirtyDianaEle ** il Mar 11 Ott 2011 - 14:40, modificato 1 volta

_________________

** DirtyDianaEle **
Admin
Admin

Messaggi : 8444
Data d'iscrizione : 21.02.10
Età : 28
Località : Roma
Umore Umore : relax

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Michael Jackson, Dangerous e la reinvenzione del pop - di Joe Vogel

Messaggio Da Fairy MJ il Dom 9 Ott 2011 - 22:13

la descrizione che fa di In the Closet, che non avevo mai considerato con questi particolari, però ha fatto una descrizione perfetta, è proprio quella la sensazione che si prova ascoltandola.
direi che ci prende in pieno pieno pieno è tutto vero!!!!
una descrizione perfetta e realistica moonwalk

_________________


http://www.facebook.com/pages/Dunikart-il-mondo-dei-gioielli-e-non-solo/191975327483059?ref=hl Vendita di Gioielli di bigiotteria e gioielli della tradizione sarda visitate questa pagina metti mi piace e se ti piace qualcosa contattami pirat

Fairy MJ
Admin
Admin

Messaggi : 8626
Data d'iscrizione : 21.02.10
Età : 32
Località : Roma
Umore Umore : Ottimo

Vedere il profilo dell'utente http://mjjkingoflove.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Michael Jackson, Dangerous e la reinvenzione del pop - di Joe Vogel

Messaggio Da silvia80 il Lun 10 Ott 2011 - 22:21

Per ciò che riguarda l'album è vero è innovativo quanto Thriller però trovo che i Nirvana abbiano fatto in quel frangente storico, quello che Michael fece dieci anni fa con Thriller, inventando un genere totalmente nuovo ed innovativo, mentre Dangerous ha proseguito il lavoro fatto con Thriller attualizzando il genere agli anni 90. E nonostante ciò mi piace più il lavoro di Michael perchè ho sempre considerato i NIrvana un pò troppo spinti ed eccessivi per i miei gusti musicali

silvia80
King of Pop
King of Pop

Messaggi : 1080
Data d'iscrizione : 17.09.10

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Michael Jackson, Dangerous e la reinvenzione del pop - di Joe Vogel

Messaggio Da Fairy MJ il Mar 11 Ott 2011 - 16:09

: "Io non ce la faccio, perché sono solo". "Give in to Me" prosegue il tono buio, con Jackson che scatena l'angoscia repressa sulle aspre note della chitarra di Slash.
anche questa riflessione che fa per me è verissima infatti MJ in quella canzone esprime tutta l'angoscia che prova, esprime molto sentimento e disperazione...

_________________


http://www.facebook.com/pages/Dunikart-il-mondo-dei-gioielli-e-non-solo/191975327483059?ref=hl Vendita di Gioielli di bigiotteria e gioielli della tradizione sarda visitate questa pagina metti mi piace e se ti piace qualcosa contattami pirat

Fairy MJ
Admin
Admin

Messaggi : 8626
Data d'iscrizione : 21.02.10
Età : 32
Località : Roma
Umore Umore : Ottimo

Vedere il profilo dell'utente http://mjjkingoflove.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Michael Jackson, Dangerous e la reinvenzione del pop - di Joe Vogel

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato Oggi a 3:52


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum